Autore Topic: Monster Hunter World  (Letto 3241 volte)

Offline DyingSweetly

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 3163
  • Sesso: Maschio
  • Sono un duro, rompo il cazzo, faccio brutto.
Re:Monster Hunter World
« Risposta #30 il: Gennaio 25, 2018, 16:08:13 »
Al negozio al vulcano hanno rotto il day one, mi hanno mandato l'sms per il ritiro

*fi* *fi* *fi* *fi *fi* *fi* *fihhhhhhhhhh* *fi* *fi* *fifi* *fi* *fi*

Online Seph

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11417
  • Sesso: Maschio
  • Monzese D.O.C.
Re:Monster Hunter World
« Risposta #31 il: Gennaio 31, 2018, 10:27:29 »
Da The Games Machine:

"Ricordo come se fosse ieri il mio primo incontro con Monster Hunter. Ero stato attratto dalle prime immagini dell'episodio Tri, e decisi di comprare il Freedom Unite per la fedele PSP, sognando un futuro da provetto cacciatore, seduto davanti al caminetto e circondato dai trofei delle mie vittime. Perché, checché se ne dica, la testa mozzata di un drago appesa al muro dà più tono all'ambiente del tappeto di Jeffrey Lebowski.

In realtà non sapevo nulla di Monster Hunter, a parte il fatto che potevi cacciare draghi e bestie ciclopiche con spadoni pesanti come un SUV. Sulla carta era per me il gioco perfetto, ma non andò granché bene: durante la prima partita accettai incautamente di cacciare un Velocidrome dalla lobby multigiocatore, perché sì. Chi lo sa, magari era più appariscente… l'ho detto del resto che non ne capivo nulla! Pochi minuti dopo mi trovai a imprecare contro divinità ostrogote, mentre cercavo di barcamenarmi tra un sistema di controllo “un filo” (in quest'intro gioco con fierezza la carta dell'ironia) ostico e una specie di velociraptor blu saltellante che proprio non ne voleva sapere di tirare le cuoia. Probabilmente, anche voi all'inizio avete fatto un passo falso simile, e potete immaginare la mia frustrazione; allo stesso modo, non fatico a immaginare il vostro sconforto durante i primi passi di un qualsiasi capitolo della serie. Siete lì fieri, con un'arma gagliarda sulle spalle pronti a tagliare in due un drago, e l'NPC di turno vi manda a recuperare funghi o fossili, magari con un piccone che va in frantumi se lo guardate storto.

Quando diventa divertente il gioco? Perché mezzo Giappone è impazzito di fronte a questa cosa tanto noiosa?

MUSHROOM HARVESTER NO MORE

Avete perfettamente ragione: del resto, il gioco si chiama Monster Hunter, e non Mushroom Harvester. Il fatto è che il blockbuster Capcom è sempre stato difficile da approcciare da parte dei neofiti per una serie di meccaniche piuttosto antipatiche che da un lato ha contribuito indubbiamente a trasformare l'hunting game per eccellenza in un'esperienza profonda e appagante, ma dall'altro ha scoraggiato una fetta di pubblico importante, destinando la nobile arte della caccia digitale a un'oscura, impenetrabile elite. Da giocatore hardcore della saga, con centinaia di ore e cadaveri di Rathalos alle spalle, vi capisco perfettamente. Eppure, non posso fare altro che pregarvi di dare una possibilità a Monster Hunter World, anche se in passato siete rimasti scottati . Sì, il sistema di combattimento resta poco immediato, complice anche un metodo di puntamento del bersaglio che non sempre fa il suo lavoro, specie quando cerca di tenere sotto tiro bersagli rapidissimi. Del resto, nessuno sosterrà in questa recensione che Monster Hunter World sia uno spin-off semplificato, banale e scritto per i novellini , mentre l'elite di cui sopra sogna un nuovo capitolo a base di dinosauri e fetch quest. Al contrario, tra gli splendidi panorami del Nuovo Mondo incontrerete nemici veramente tosti, capaci di mettere alla prova anche i più navigati cacciatori, almeno quando il gioco deciderà di fare sul serio con le missioni di alto grado, esattamente come in passato.

Capcom è riuscita nell'invidiabile impresa di confezionare un nuovo capitolo perfettamente fedele alle qualità che hanno reso Monster Hunter un vero e proprio fenomeno di massa in Giappone, rendendolo però più intrigante, snello e affascinante , a partire dai piccoli particolari: smussate la vostra lama e vi troverete una scorta di cote infinita nello zaino, mentre il fedele piccone che usate per estrarre pregiati minerali dalla dura roccia è ora indistruttibile; o ancora, nell'intraprendere una missione potete decidere subito quale equipaggiamento indossare, addirittura cambiandolo al volo una volta raggiunto l'accampamento, nel bel mezzo dell'azione. Monster Hunter World è costellato di tanti piccoli ritocchi come questi , compreso un sistema (facoltativo, giù i forconi!) che si prende la briga di combinare i materiali appena raccolti al posto nostro, in modo da avere pozioni e antidoti disponibili senza la seccatura di aprire lo zaino e procedere a mano. Tutto questo non rende l'esperienza meno hardcore, ma, anzi, toglie un fastidioso strato di ruggine, riducendo i tempi morti e rendendo il gioco più fluido; una buona notizia, inquadrata in relazione al nuovo mondo di gioco, probabilmente la novità più intrigante.

ESPLORAZIONE ORGANICA

Fino a ieri i livelli erano composti da un certo numero di sezioni separate l'una dall'altra, accessibili previo brevi caricamenti; adesso, invece, si estendono in tutta la loro selvaggia bellezza senza interruzioni di sorta, pronti a essere esplorati nella più totale libertà. Gli scenari sono veramente spettacolari e sfruttano l'ormai rodato MT Framework per restituire un eccezionale colpo d'occhio grazie all'abbondanza di effetti particellari ea una direzione artistica fenomenale. Non si tratta più, quindi, di “stanze” separate da un improbabile teletrasporto: le mappe di Monster Hunter World sono straordinariamente vive , pullulanti di sentieri, trappole con cui imbrigliare momentaneamente la furia dei nostri ferali avversari e veri e propri dedali di rocce, cristalli e foglie, esaltati da una spiccata verticalità. Non per nulla ora ci sono più accampamenti da cui partire e, anzi, altri possono essere predisposti, a patto di scovare zone relativamente tranquille ove alzare le tende.

Il Nuovo Mondo in cui la Commissione di Ricerca vivrà la sua avventura è seriamente diverso rispetto a quanto visto negli scorsi episodi, e mostra da subito le sue regole di caccia. Ricordate quando in passato vagavate come fessi da zona a zona alla ricerca del bersaglio, sperando di scovarlo il prima possibile per marcarlo con una Palla Pittura e iniziare finalmente lo scontro? Ora l'onere è relegato agli indispensabili insetti guida , che evidenzieranno tutti gli oggetti con cui è possibile interagire presenti nei paraggi, comprese orme, graffi e secrezioni varie appartenenti ai mostri che popolano la mappa. Esaminate abbastanza tracce ei fidi insetti punteranno sicuri verso il bersaglio, fungendo anche da comodo navigatore per raggiungere specifiche zone della mappa. Rinvenire prove della presenza dei vari mostri non è solo utile ai fini della missione in corso, ma permette di popolare un po' alla volta un'utilissima guida consultabile nel centro ricerche di Astera , l'indaffaratissimo hub ove riprendere fiato e organizzarsi tra una sortita e l'altra. Mano a mano che rinverremo resti o passeremo a fil di spada il bestione di turno, la sua scheda diventerà più completa, mostrando quindi le vulnerabilità, i materiali estraibili e la loro rarità, sia per gli esemplari “normali” che di alto grado. Tra questa preziosissima aggiunta e il diagramma ad albero che mostra chiaramente le evoluzioni di ogni singola arma, gentilmente offerto dal fabbro, Monster Hunter World vi evita anche la seccatura di consultare Wikipedia!

DA SOLI O IN COMPAGNIA

Non finisce qui, perché incrementare la familiarità con i vari mostri permette di sbloccare le taglie nel Centro di coordinamento. Facciamo prima un po' di chiarezza: Monster Hunter World abbatte la distinzione tra missioni del villaggio e della gilda , permettendo di giocare in compagnia qualunque tipo di incarico. Addirittura, qualora l'impresa si rivelasse particolarmente ardua, potremmo lanciare un razzo di segnalazione a cui chiunque potrà rispondere, entrando nella nostra sessione. È semplice, intuitivo e permette a tutti di giocare con i propri amici sin dal primo giorno, assistendo assieme al dipanarsi della trama.

A tal proposito, Monster Hunter World offre una narrazione assai più marcata e “presente” rispetto al passato , con le avventure nel Nuovo Mondo della Quinta Flotta sottolineate da un buon numero di scene di intermezzo, briefing e dialoghi che sanno donare ai giocatori più svogliati un motivo in più per continuare a combattere anche durante le missioni di alto grado. Se siete cacciatori esperti svelerete il segreto che accomuna il violento Nergigante (il cosiddetto “flagship monster” di questo capitolo) ai draghi anziani in una trentina di ore circa, a seconda della voglia di grindare per quell'armatura o quell'arma stilosissima a cui proprio non potete resistere, mente è plausibile che un giocatore alle prime armi impieghi addirittura il doppio. Il tutto senza nominare l'end game, un'iniezione di longevità considerevole di cui sarebbe criminale svelarvi i dettagli. Vi basti sapere che incontrerete alcuni vecchi volti, assieme a nuove tipologie di nemici che vanno oltre le “normali” sottospecie.

Le missioni legate alla trama sono chiamate Incarichi e non possono essere ripetute, a eccezione di un particolare caso; detto ciò, nessuna di queste vi metterà il cestino in mano spedendovi alla ricerca di bacche e funghi e, anzi, vi faranno sentire un cacciatore tostissimo, alle prese con un ambiente ostile e brutale sin dai primi attimi. Agli Incarichi si affiancano le missioni facoltative , suddivise per livello di difficoltà e affrontabili tutte le volte che volete per ottenere i materiali destinati allo sviluppo dell'equipaggiamento e per accumulare risorse con cui migliorare le strutture di Astera, che diventerà piano piano (tanto per non disorientare le nuove leve) il centro nevralgico della spedizione. Arriviamo dunque alle Taglie : sono missioni che possono essere affrontate solo un numero limitato di volte, contraddistinte da regole particolari (cattura del mostro obbligatoria, minor tempo o limitato numero di svenimenti a disposizione…) e con maggiori ricompense in palio; rappresentano la vostra migliore scommessa nel caso quell'elusivo rubino di Rathalos proprio non volesse saperne di spuntare fuori con i mezzi tradizionali. Giocando online potrete anche partecipare agli eventi, pubblicati sulla bacheca da Capcom per un limitato periodo di tempo ; mentre scrivo è partito quello dedicato a Horizon Zero Dawn che mette in palio costumi e armi non reperibili altrove. Nonostante abbia giocato online nei giorni precedenti al lancio assieme ad altri giornalisti, d'accordo col resto della redazione si è deciso di rimandare la recensione di un paio di giorni, così da testare con mano la bontà della connessione all'apertura. In entrambi i casi, le sessioni di caccia mie e del resto del Team Crimine sono state assolutamente perfette e fluide. Insomma, da soli o in compagnia, Monster Hunter World offre un'infinità di cose da fare .

MIGLIORE, NON BANALE

Immaginate di giocare uno dei precedenti capitoli e usare lo spadone per buona parte della vostra avventura: a un certo punto non ne potete più e volete cambiare totalmente, oppure incontrate un mostro velocissimo che non vi lascia neppure il tempo di sguainare l'arma. Decidete quindi di intraprendere una carriera da artigliere per sforacchiarlo dalla distanza, e qui inizia il calvario. Vi tocca uccidere decine di mostri per ottenere i materiali con cui creare una balestra in grado di scalfire la bestia e – ancora peggio – craftare un'armatura adatta, cercando i materiali per assemblarne i cinque pezzi richiesti dal set. Monster Hunter World addolcisce la pillola, perché le armature sono ora universali e garantiscono bonus alla difesa fisica o elementale a seconda dell'arma equipaggiata. Avanzando nelle missioni di alto grado troverete addirittura due variabili per la stessa corazza, differenziate non solo esteticamente, ma anche nelle abilità (anche queste hanno subito un cambiamento, e ora sono molto più intuitive e dirette da comprendere e usare) legate ai singoli pezzi e alla presenza di slot dove inserire i gioielli.

Monster Hunter World è quindi un gioco profondamente stratificato, che scopre le sue carte progressivamente durante un percorso di formazione in grado di attirare i semplici curiosi senza costringerli a sbattere la testa contro una barriera di antiquato game design. Non fa sconti a nessuno, adamantino nel suo essere un titolo comunque di nicchia, e tuttavia rende più immediati, divertenti e addirittura logici tanti concetti scomodi su cui l'abitudine ci aveva fatto chiudere un occhio. Ci si può teletrasportare da un accampamento all'altro, evitando scarpinate in lungo e largo attraverso mappe più grandi e articolate rispetto al passato; la nuova balestra da polso permette di raccogliere oggetti e convertirli seduta stante in utili munizioni, senza bisogno di crearle nel villaggio; dopo una missione portata a termine, possiamo decidere di tornare al campo base senza rientrare ad Astera. In questo modo possiamo comodamente dedicarci alla libera esplorazione, alla caccia di mostri o alla conquista di risorse che fruttano punti ricerca, una valuta parallela ai classici Zenny, indispensabile per una serie impressionate di attività, dalle spedizioni dei Felyne alla gestione dell'orto botanico, senza tralasciare il mercantile che, come ai tempi di Monster Hunter Tri, attraccherà regolarmente col suo carico di oggetti spesso non ottenibili in nessun altro modo.

BREATH OF THE WILD

Su PS4 Pro e Xbox One X Monster Hunter World offre tre tipi di impostazioni grafiche , assieme al supporto per l'ormai onnipresente HDR: priorità al dettaglio grafico, al frame rate o alla risoluzione. Fra le tre, consiglio vivamente la seconda. I dettagli grafici supplementari e una risoluzione che cerca di avvicinarsi ai 4k non possono competere con un bonus alla fluidità (45fps su PS4 Pro e 55fps su Xbox One X) in un gioco d'azione dove la fluidità è imperativa. Anche perché, qualunque sia la vostra decisione, Monster Hunter World resta un titolo veramente bello da vedere, specialmente nel ritratto dei suoi giganteschi padroni di casa: straordinariamente caratterizzati, credibili nelle movenze e splendidi da combattere, i mostri sono le vere star del gioco. Capcom ha messo assieme un bestiario principalmente ricco di new entry, non tralasciando alcuni irrinunciabili capisaldi come Rathian e Diablos. Nella soddisfacente marmaglia trova posto anche una battaglia campale tra cannoni, baliste e speroni ammazzadraghi che cerca di richiamare l'atmosfera dello scontro con Jhen Mohran, fallendo però nel replicare una sfida degna del buon vecchio drago anziano delle sabbie.

Sul fronte bellico ci sono un paio di migliorie piuttosto importanti: la prima è che il compagno felyne che ci portiamo dietro potrà salire di livello, aumentando potenza d'attacco e punti vita, mente i danni inflitti durante il combattimento verranno ora mostrati sotto forma numerica, un'aggiunta (disattivabile anche questa) davvero benvenuta per definire il danno di barili esplosivi, attacchi critici e inquadrare facilmente le hit zone più vulnerabili. Ci sono nuove mosse per le quattordici tipologie di armi, con le combo chart ben visibili in alto a destra in modo da imparare a combattere sul campo.

In questo momento faccio un po' fatica a immaginare un altro gioco che saprà catturarmi nel 2018 come sta facendo Monster Hunter World (forse l’unico sarà Red Dead Redemption 2). È longevo, avvincente, crea seria dipendenza se giocato assieme a un gruppo affiatato e il supporto gratuito di Capcom gli garantirà una sicura iniezione di longevità extra. Con una serie di migliorie quasi impossibile da elencare, Monster Hunter World rende i precedenti capitoli praticamente obsoleti.
Mancano le missioni G-Rank, ma del resto si tratta di una costante nei primi episodi di ogni generazione. In definitiva, se durante questi anni siete stati attratti anche solo una volta dal fascino di Monster Hunter, questo è il miglior momento possibile per iniziare. Che siate cacciatori anziani o promettenti nuove leve, fatemi (e fatevi) un favore: svuotate gli scaffali, perché la quinta generazione di Monster Hunter è una vera e propria bomba.”

Voto 9.5

Offline DyingSweetly

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 3163
  • Sesso: Maschio
  • Sono un duro, rompo il cazzo, faccio brutto.
Re:Monster Hunter World
« Risposta #32 il: Gennaio 31, 2018, 10:32:21 »
Si ma ci dovresti giocare Seph  ::)

*fi* *fi* *fi* *fi *fi* *fi* *fihhhhhhhhhh* *fi* *fi* *fifi* *fi* *fi*

Online Seph

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11417
  • Sesso: Maschio
  • Monzese D.O.C.
Re:Monster Hunter World
« Risposta #33 il: Gennaio 31, 2018, 10:45:27 »
Si ma ci dovresti giocare Seph  ::)

ci sto giocando su xbox one x con alexgames e altra gente. L'avevo inizialmente preso per ps4 ma in 4k arrancava. Se non uso la risoluzione nativa sulla mia tv lcd si vede di merda. Sulla console sony penso prenderò solo le esclusive mi sa.
« Ultima modifica: Gennaio 31, 2018, 12:21:19 da Seph »

Offline RikkTheGaijin

  • Master of the Universe
  • Administrator
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 23849
  • Sesso: Maschio
  • Io i settaggi Ultra ce li ho di default
    • My Artstation page
Re:Monster Hunter World
« Risposta #34 il: Febbraio 01, 2018, 02:19:29 »
ci sto giocando su xbox one x con alexgames e altra gente.

Alexgames!? Esiste ancora??! :o

Online Seph

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11417
  • Sesso: Maschio
  • Monzese D.O.C.
Re:Monster Hunter World
« Risposta #35 il: Febbraio 01, 2018, 09:22:29 »
ci sto giocando su xbox one x con alexgames e altra gente.

Alexgames!? Esiste ancora??! :o

Si ci becchiamo ogni tanto per una cena assieme a Lord Mirko e altri suoi amici oppure per giocare. Ha sia Xbox One X che PS4 Pro e la mia stessa tv 65 4k. Il negozio l'ha chiuso, ora lavora in un grande magazzino a a barzanò tipo Longoni sport (si chiama maxi sport) come specialista per sci e mazze da golf.

Offline RikkTheGaijin

  • Master of the Universe
  • Administrator
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 23849
  • Sesso: Maschio
  • Io i settaggi Ultra ce li ho di default
    • My Artstation page
Re:Monster Hunter World
« Risposta #36 il: Febbraio 01, 2018, 11:36:03 »
ora lavora in un grande magazzino a a barzanò tipo Longoni sport (si chiama maxi sport) come specialista per sci e mazze da golf.

Specialista di Ammazza Che Mazza! 8)
Mirko... :'(

Online Seph

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11417
  • Sesso: Maschio
  • Monzese D.O.C.
Re:Monster Hunter World
« Risposta #37 il: Febbraio 01, 2018, 15:52:53 »
ecco la comparison ufficiale definitiva cazzutissima del dio digital foundry.

rien ne va plus. 8 game variations tested in all across 4 consoles  _\,,/



ieri sera me lo son pure collegato al pc così ci posso giocare dal divano sulla tv grande oppure da pc con la XBOX ONE X nell'altro appartamento che strimma i culi su windows 10. The future is nao 8)

Rikk come stanno andando le vendite in giappone? code chilometriche nei negozi, immagino.

Offline DyingSweetly

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 3163
  • Sesso: Maschio
  • Sono un duro, rompo il cazzo, faccio brutto.
Re:Monster Hunter World
« Risposta #38 il: Febbraio 01, 2018, 16:38:39 »
Si ma la sostanza è che giochi con gente triste  :-X

*fi* *fi* *fi* *fi *fi* *fi* *fihhhhhhhhhh* *fi* *fi* *fifi* *fi* *fi*

Online Seph

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11417
  • Sesso: Maschio
  • Monzese D.O.C.
Re:Monster Hunter World
« Risposta #39 il: Febbraio 01, 2018, 16:48:02 »
Si ma la sostanza è che giochi con gente triste  :-X

ahaha, ma poi come se non bastasse ci sono enormi problemi di matchmaking su questa cazzo di console, l'idea di non fare una beta non mi è sembrata proprio ottima diciamo. I giapponesi non se la cagano proprio
http://www.eurogamer.it/articles/2018-01-29-news-videogiochi-monster-hunter-world-giocatori-xbox-one-criticano-pesantemente-multiplayer-matchmaking

edit: a quanto pare hanno fixato con la patch uscita qualche minuto fa, proverò
http://www.eurogamer.it/articles/2018-02-01-news-videogiochi-la-nuova-patch-di-monster-hunter-world-risolve-i-problemi-di-connettivita-e-matchmaking-su-xbox-one
« Ultima modifica: Febbraio 01, 2018, 16:57:22 da Seph »

Offline RikkTheGaijin

  • Master of the Universe
  • Administrator
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 23849
  • Sesso: Maschio
  • Io i settaggi Ultra ce li ho di default
    • My Artstation page
Re:Monster Hunter World
« Risposta #40 il: Febbraio 02, 2018, 01:50:32 »

Online Seph

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11417
  • Sesso: Maschio
  • Monzese D.O.C.
Re:Monster Hunter World
« Risposta #41 il: Febbraio 02, 2018, 09:47:05 »
Rikk come stanno andando le vendite in giappone?

Si, e' al primo posto in classifica.
http://www.siliconera.com/2018/01/31/week-sales-monster-hunter-still-king-japan/

fiko
è un nuovo record per la ps4, e non comprende neanche le vendite digitali
peccato non esista su switch, chissà perché? troppa poca ram ???

Offline RikkTheGaijin

  • Master of the Universe
  • Administrator
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 23849
  • Sesso: Maschio
  • Io i settaggi Ultra ce li ho di default
    • My Artstation page
Re:Monster Hunter World
« Risposta #42 il: Febbraio 02, 2018, 11:13:56 »
peccato non esista su switch, chissà perché? troppa poca ram ???

Ma invece piuttosto dove sono i costumi di Monster Hunter Online? 8)
https://goo.gl/ceg9HA

Online Seph

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11417
  • Sesso: Maschio
  • Monzese D.O.C.
Re:Monster Hunter World
« Risposta #43 il: Febbraio 02, 2018, 11:28:15 »
Non hanno niente in comune a parte il nome.

in monster hunter world hanno usato tutti i poligoni/shader per i mostri, i personaggi e gli ambienti sono da ps3.

Monster hunter online, invece, è praticamente un porno game per maniaci dove ti crei il personaggio e poi lo disinstalli.

Offline Qui-Gon Chris

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11110
  • Sesso: Maschio
  • Kiksuya
Re:Monster Hunter World
« Risposta #44 il: Febbraio 02, 2018, 11:29:17 »
Rikk ha cancellato un post in cui faceva capire molto velatamente che sta lavorando alla versione Switch di monster Hunter.

GOMBLOTTO!
If the only thing keeping a person decent is the expectation of divine reward then, brother, that person is a piece of shit. And I’d like to get as many of them out in the open as possible. You gotta get together and tell yourself stories that violate every law of the universe just to get through the goddamn day? What’s that say about your reality?