Autore Topic: True Detective Season 3  (Letto 479 volte)

Offline Seph

  • Evangelista del Cloud
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11319
  • Sesso: Maschio
  • The future of gaming is not in a box
Re:True Detective Season 3
« Risposta #15 il: Gennaio 30, 2019, 12:19:36 »
Credo che la prima serie sia inarrivabile, comunque lo sto apprezzando molto
Permetta che mi presenti, signora? Gus Polinski. Molto lieto. Il re della polka del Midwest! Eh? Ehm... I Kenosha Kickers. No? Ah, non fa niente. Pensavo mi avesse riconosciuto. Comunque... Ehm, sa, io ho avuto un certo successo qualche anno fa, perché io sono quello di "Polka polka polka polka!" No, eh? -No...- E Twin Legs Polka? Yamahoozie Polka? Kiss Me Polka? Ehm... Polka Twist, eh? -Sarebbero canzoni...- Sì, ehm... Sì, ecco, nostri grandi successi. Almeno agli inizi degli anni '70. Sì, ne abbiamo vendute ben 623 copie per l'esattezza! -A Chicago?- No, Sheboygan. Grande successo a Sheboygan.

Offline Jin · Oh

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 9376
  • Sesso: Maschio
  • ♪__The Lunatic Is__♪ ♪___In My Head___♪
Re:True Detective Season 3
« Risposta #16 il: Febbraio 01, 2019, 00:08:06 »
Ma scusate ma è Star Wars 7. Minkia è identico al primo  :o della serie "puntiamo sul sicuro"... è tutto identico, la narrazione in tre annate, i rapporti alle commissioni di polizia, il caso riaperto, la setta, boh vabè. Sento la mancanza di un personaggio "marcio" come i protagonisti che sono sempre stati quelli di questa serie. Però ha molto ritmo e l'indagine è figa.
Il post soprascritto potrebbe non lasciare spazio ad altre argomentazioni.
-

Offline Master

  • Global Moderator
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 6515
  • Sesso: Maschio
Re:True Detective Season 3
« Risposta #17 il: Febbraio 01, 2019, 10:22:46 »
Ma scusate ma è Star Wars 7. Minkia è identico al primo  :o della serie "puntiamo sul sicuro"... è tutto identico, la narrazione in tre annate, i rapporti alle commissioni di polizia, il caso riaperto, la setta, boh vabè. Sento la mancanza di un personaggio "marcio" come i protagonisti che sono sempre stati quelli di questa serie. Però ha molto ritmo e l'indagine è figa.

c'è una piccola differenza: l'alzheimer. Quello cambia tutto.

Offline Seph

  • Evangelista del Cloud
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11319
  • Sesso: Maschio
  • The future of gaming is not in a box
Permetta che mi presenti, signora? Gus Polinski. Molto lieto. Il re della polka del Midwest! Eh? Ehm... I Kenosha Kickers. No? Ah, non fa niente. Pensavo mi avesse riconosciuto. Comunque... Ehm, sa, io ho avuto un certo successo qualche anno fa, perché io sono quello di "Polka polka polka polka!" No, eh? -No...- E Twin Legs Polka? Yamahoozie Polka? Kiss Me Polka? Ehm... Polka Twist, eh? -Sarebbero canzoni...- Sì, ehm... Sì, ecco, nostri grandi successi. Almeno agli inizi degli anni '70. Sì, ne abbiamo vendute ben 623 copie per l'esattezza! -A Chicago?- No, Sheboygan. Grande successo a Sheboygan.

Offline Jin · Oh

  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 9376
  • Sesso: Maschio
  • ♪__The Lunatic Is__♪ ♪___In My Head___♪
Re:True Detective Season 3
« Risposta #19 il: Febbraio 01, 2019, 16:44:15 »
Ma scusate ma è Star Wars 7. Minkia è identico al primo  :o della serie "puntiamo sul sicuro"... è tutto identico, la narrazione in tre annate, i rapporti alle commissioni di polizia, il caso riaperto, la setta, boh vabè. Sento la mancanza di un personaggio "marcio" come i protagonisti che sono sempre stati quelli di questa serie. Però ha molto ritmo e l'indagine è figa.

c'è una piccola differenza: l'alzheimer. Quello cambia tutto.

In effetti su reddit si leggono già teorie che my god, the power of marijuana.
Spero solo che se uno si fa le theories poi venga appagato e che il tutto non si risolva con il personaggio che salta fuori solo alla fine della storia :)
Il post soprascritto potrebbe non lasciare spazio ad altre argomentazioni.
-

Offline Seph

  • Evangelista del Cloud
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11319
  • Sesso: Maschio
  • The future of gaming is not in a box
Re:True Detective Season 3
« Risposta #20 il: Febbraio 02, 2019, 03:01:10 »
uscita la 5 in anticipo _\,,/

"This week’s episode premiered early on HBO’s streaming platforms on Friday, February 1; it will broadcast on HBO at its normal time Sunday, February 3."

https://drive.google.com/open?id=17D3xi3mM0lTwtUAcLwbMKy6i2KIiyNh3
Permetta che mi presenti, signora? Gus Polinski. Molto lieto. Il re della polka del Midwest! Eh? Ehm... I Kenosha Kickers. No? Ah, non fa niente. Pensavo mi avesse riconosciuto. Comunque... Ehm, sa, io ho avuto un certo successo qualche anno fa, perché io sono quello di "Polka polka polka polka!" No, eh? -No...- E Twin Legs Polka? Yamahoozie Polka? Kiss Me Polka? Ehm... Polka Twist, eh? -Sarebbero canzoni...- Sì, ehm... Sì, ecco, nostri grandi successi. Almeno agli inizi degli anni '70. Sì, ne abbiamo vendute ben 623 copie per l'esattezza! -A Chicago?- No, Sheboygan. Grande successo a Sheboygan.

Offline Seph

  • Evangelista del Cloud
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11319
  • Sesso: Maschio
  • The future of gaming is not in a box
Re:True Detective Season 3
« Risposta #21 il: Febbraio 19, 2019, 14:25:22 »
« Ultima modifica: Febbraio 19, 2019, 15:13:44 da Seph »
Permetta che mi presenti, signora? Gus Polinski. Molto lieto. Il re della polka del Midwest! Eh? Ehm... I Kenosha Kickers. No? Ah, non fa niente. Pensavo mi avesse riconosciuto. Comunque... Ehm, sa, io ho avuto un certo successo qualche anno fa, perché io sono quello di "Polka polka polka polka!" No, eh? -No...- E Twin Legs Polka? Yamahoozie Polka? Kiss Me Polka? Ehm... Polka Twist, eh? -Sarebbero canzoni...- Sì, ehm... Sì, ecco, nostri grandi successi. Almeno agli inizi degli anni '70. Sì, ne abbiamo vendute ben 623 copie per l'esattezza! -A Chicago?- No, Sheboygan. Grande successo a Sheboygan.

Offline RikkTheGaijin

  • Master of the Universe
  • Administrator
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 23762
  • Sesso: Maschio
  • Io i settaggi Ultra ce li ho di default
    • My Artstation page
Re:True Detective Season 3
« Risposta #22 il: Febbraio 20, 2019, 03:38:57 »
Io aspetto che finisca e me la sparo tutta di fila.

Offline Seph

  • Evangelista del Cloud
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11319
  • Sesso: Maschio
  • The future of gaming is not in a box
Re:True Detective Season 3
« Risposta #23 il: Febbraio 25, 2019, 22:49:42 »
 _\,,/
Permetta che mi presenti, signora? Gus Polinski. Molto lieto. Il re della polka del Midwest! Eh? Ehm... I Kenosha Kickers. No? Ah, non fa niente. Pensavo mi avesse riconosciuto. Comunque... Ehm, sa, io ho avuto un certo successo qualche anno fa, perché io sono quello di "Polka polka polka polka!" No, eh? -No...- E Twin Legs Polka? Yamahoozie Polka? Kiss Me Polka? Ehm... Polka Twist, eh? -Sarebbero canzoni...- Sì, ehm... Sì, ecco, nostri grandi successi. Almeno agli inizi degli anni '70. Sì, ne abbiamo vendute ben 623 copie per l'esattezza! -A Chicago?- No, Sheboygan. Grande successo a Sheboygan.

Offline RikkTheGaijin

  • Master of the Universe
  • Administrator
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 23762
  • Sesso: Maschio
  • Io i settaggi Ultra ce li ho di default
    • My Artstation page
Re:True Detective Season 3
« Risposta #24 il: Febbraio 26, 2019, 10:49:17 »
E' finita? Allora turbo scaricare.

Offline RikkTheGaijin

  • Master of the Universe
  • Administrator
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 23762
  • Sesso: Maschio
  • Io i settaggi Ultra ce li ho di default
    • My Artstation page
Re:True Detective Season 3
« Risposta #25 il: Febbraio 27, 2019, 11:15:09 »
Vista tutta, molto bella anche se praticamente ricalca la prima stagione (c'e' pure il cameo dell'articolo sul giornale con Rust e Marty).
Un paio di gradini sotto (alla fine la prima e' insuperabile) ma cmq anni luce avanti alla seconda stagione. Vediamo se ne fanno una quarta. :)

Offline Seph

  • Evangelista del Cloud
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11319
  • Sesso: Maschio
  • The future of gaming is not in a box
Re:True Detective Season 3
« Risposta #26 il: Febbraio 27, 2019, 11:16:22 »
Vista tutta, molto bella anche se praticamente ricalca la prima stagione (c'e' pure il cameo dell'articolo sul giornale con Rust e Marty).
Un paio di gradini sotto (alla fine la prima e' insuperabile) ma cmq anni luce avanti alla seconda stagione. Vediamo se ne fanno una quarta. :)

^ this
Permetta che mi presenti, signora? Gus Polinski. Molto lieto. Il re della polka del Midwest! Eh? Ehm... I Kenosha Kickers. No? Ah, non fa niente. Pensavo mi avesse riconosciuto. Comunque... Ehm, sa, io ho avuto un certo successo qualche anno fa, perché io sono quello di "Polka polka polka polka!" No, eh? -No...- E Twin Legs Polka? Yamahoozie Polka? Kiss Me Polka? Ehm... Polka Twist, eh? -Sarebbero canzoni...- Sì, ehm... Sì, ecco, nostri grandi successi. Almeno agli inizi degli anni '70. Sì, ne abbiamo vendute ben 623 copie per l'esattezza! -A Chicago?- No, Sheboygan. Grande successo a Sheboygan.

Offline RikkTheGaijin

  • Master of the Universe
  • Administrator
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 23762
  • Sesso: Maschio
  • Io i settaggi Ultra ce li ho di default
    • My Artstation page
Re:True Detective Season 3
« Risposta #27 il: Febbraio 28, 2019, 01:35:52 »
Vorrei elaborare un attimo il mio commento, che ieri l'ho scritto di fretta.
Allora, a sto giro Pizzolato ha voluto andare sul sicuro copiando 1:1 il formato narrativo della prima stagione. E ha fatto bene. Molto bravi tutti gli attori, soprattutto Mahershala Ali, davvero favoloso.

Però vorrei evidenziare un paio di punti che mi hanno un po' fatto storcere il naso.

- Il setup iniziale mi ha lasciato un po' perplesso. Due bambini escono in bicicletta alle 4 del pomeriggio e alle 7 ci sono già due detective e tipo tutte le squadre di polizia locale a cercarli. Ora, non so come funzionava negli anni '80 ma mi pare un po' assurdo. Di solito bisogna aspettare 24 ore prima di dichiarare qualcuno ufficialmente scomparso. L'inizio della storia mi e' sembrata un po' forzata per esigenze di plot.

- Non ho ben capito come ad un certo punto, Wayne e Roland, ormai vecchi, vanno alla casa abbandonata di Hoyt e scoprono la stanza rosa... Perché non hanno investigato Hoyt negli anni '90, dopo che Wayne era stato minacciato? Era ovvio che Hoyt era coinvolto...

- Il finale e' un po'...loffo. Tutto il build-up dei primi 7 episodi culmina in un finale che sinceramente mi ha lasciato un po' insoddisfatto. A parte che vedere due vecchi andare i giro a fare i detectives mi pareva di guardare Geriatric Adventures invece che True Detective. Ma poi boh, alla fine ok, Lucy e' ancora viva, ha una famiglia, una figlia, una bella casa, tutti happy, ok pero' boh. Mi ha lasciato un po' a volere quasi un finale un po' più drammatico.

Cmq in generale e' una bella stagione, sicuramente merita la visione. E il makeup di Mahershala Ali per farlo invecchiare e' incredibile, sembra davvero un vecchio.
Mi sono finalmente reso conto dove avevo già visto il figlio di Wayne. E' quello che fa Cyborg in Justice League! Ci ho messo un po' per riconoscerlo... ;D

Offline Seph

  • Evangelista del Cloud
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11319
  • Sesso: Maschio
  • The future of gaming is not in a box
Re:True Detective Season 3
« Risposta #28 il: Febbraio 28, 2019, 11:51:06 »
heavy spoiler alert
Il detective Wayne Hays non era realmente alla ricerca della povera Julie Purcell, ma di se stesso.

E in realtà lo è sempre stato, ancora prima che gli venisse affidato il caso dei due bambini scomparsi.

Era alla ricerca di qualcosa già durante la guerra in Vietnam, lo scopriamo nella scena che, guarda caso, chiude la stagione; una guerra di cui non vedrà mai una reale fine o chiusura, esattamente come gli accadrà in seguito nella sua carriera da detective. Come un dannato di dantesca memoria, Wayne Hays è destinato per tutta la vita a cercare qualcosa senza riuscirci mai.

Gli succede anche alla fine delle sue indagini, quando da anziano si ritrova davanti a quella che -forse- è la bambina/donna che ha cercato per 35 anni: la memoria però lo tradisce e lui, ancora una volta, resta ad un passo dalla conclusione. Ancora una volta l'indagine è interrotta per qualche motivo e la verità seppellita per sempre.

Ma facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire cosa è effettivamente successo quel novembre del 1980. Ce lo racconta Junius Watts, il famigerato uomo con un occhio solo che lavorava per la famiglia Hoyt: Isabel, la figlia del proprietario della Hoyt Foods, dopo aver perso sia il marito che la figlia in un incidente d'auto, si è chiusa nella sua casa ed è quasi impazzita per il dolore e l'isolamento; durante un picnic aziendale scorge la piccola Julie e le sembra di rivedere la sua bambina scomparsa, ed è così che chiede a Watts di fare un accordo con la madre. Dopo che Isabel ha cominciato a frequentare sia Julie che il fratello Will, la donna decide di rapire la ragazza e portarla dentro una camera segreta nella sua magione; il bambino si ribella e muore dopo uno spintone, mentre Julie viene costantemente drogata e tenuta prigioniera in gran segreto. Fino a quando Junius non decide di farla scappare, perdendola però per sempre.

Julie si nasconde come può e non vuole avere nulla a che fare con la sua famiglia, avendo capito che i genitori erano d'accordo con i suoi rapitori (in realtà il padre Tom era quasi certamente all'oscuro di tutto), e riesce a sfuggire a chiunque la cerchi. Watts è l'unico che continua a cercarla e molti anni dopo la rintraccia in un convento dove però gli viene detto che è morta di AIDS. Wayne e Roland vedono la tomba e si rassegnano, ma grazie al libro della moglie (un espediente narrativo quantomeno discutibile e banale per una sceneggiatura che invece non lo è affatto) il primo capisce che forse non è ancora detta ancora la parola fine. Destino vuole che la memoria gli svanisca prima ancora di poterlo sapere con certezza.

Certo rimangono fuori tante cose non spiegate, ma alcune possiamo facilmente intuirle: sia Lucy che Tom Purcell sono stati entrambi uccisi da Harris James, uno dei due poliziotti che all’epoca aveva ritrovato gli indumenti dei bambini e ora lavorava come capo sicurezza presso la Hoyt Foods, la stessa azienda in cui precedentemente aveva lavorato Lucy Purcell. Era stata sempre la mamma dei bambini a mandare la lettera anonima in cui veniva detto che Julie stava bene. Non ci viene mai spiegato invece cosa sia successo ad Amelia e come sia morta, ma è certo a questo punto che non abbia nulla a che vedere con il caso.

Il tempo giocava una parte importante nella prima stagione di True Detective, e lo stesso vale per questa terza. Anzi, forse ancor di più vale per questa terza stagione, in cui i personaggi si dividono fondamentalmente tra coloro che vogliono dimenticare e quelli che invece vogliono ricordare a tutti i costi. Il Wayne del 2015 è tormentato dai fantasmi del passato ed è sempre certo di aver dimenticato qualcosa di importante, come se avesse la sensazione di aver sempre avuto la risposta al mistero che lo ha attanagliato per tutta la vita. La verità è che è proprio così, ma non è come Wayne pensa. La verità che cerca non è quella che conduce a Julie, ma alla sua di famiglia. Così come la (tragica) mancanza di una famiglia ha spinto Isabel e tutti coloro che l'hanno aiutata ad azioni mostruose, è la famiglia a salvare più volte il protagonista della serie in tutti i modi possibili. È la consapevolezza di voler ricucire il rapporto con Amelia a salvarlo dall'autodistruzione nel 1980 così come l'amore e il senso di protezione per la propria famiglia a frenare quella sete di vendetta e giustizia verso Hoyt dieci anni dopo.

Entrambe le volte, ci viene mostrato, è solo attraverso il rapporto con Amelia che Wayne riesce a trovare pace e rimettere a posto la propria vita. Magari non per sempre, perché come abbiamo visto questa sete di ricerca continuerà a tormentarlo a lungo ed è bene notare che l'istinto porta Wayne sempre verso l'autodistruzione: è stato lui ad arruolarsi in Vietnam senza un reale motivo; è stato lui a voler chiudere inizialmente il rapporto con Amelia e lasciare il posto da detective; è sempre lui quello che sembra pronto a rischiare la vita pur di continuare un'indagine ormai chiusa. A salvarlo, a portarlo verso la luce c'è l'amore della moglie e dei figli, unico antidoto per il veleno che ha dentro, quel tarlo che lo porta a cercare una soluzione a tutti i problemi tranne che ai suoi. La stessa cosa succede anche a Roland, che nel 1990 scopre l'amore e l'amicizia attraverso un cane randagio e, venticinque anni dopo, ritrova quello del suo vecchio amico e partner.

Qualcosa di simile accadeva in fondo nella prima stagione, con un Rust Cohle che sembrava condannato al sacrificio e all'autodistruzione ma che invece ritrova motivazioni e voglia di vivere non tanto grazie al lavoro o alla giustizia - anche perché, come nel caso di questa stagione 3, una vera e proprio risoluzione non c'è mai, i veri cattivi, quelli che contano, non pagano mai - ma grazie all'amicizia e alla solidarietà del collega e amico. Un lampo finale di ottimismo ("If you ask me, the light is winning") che non pensavamo fosse possibile in uno show così dark come True Detective, ma che invece di dimostra il perno della poetica dello show e l'elemento caratterizzante di questi veri detective.

Se il primo ciclo di episodi si chiudeva con i due protagonisti abbracciati a guardare le stelle, questa terza stagione di True Detective termina con una scena in cui Wayne anziano, in compagnia del suo amico e della sua nuova famiglia, osserva i nipotini che corrono felici in bici sulle stesse strade in cui giocavano i fratelli Purcell. E in quel momento il pensiero che gli torna alla mente non è quello del caso irrisolto, e non c'è nemmeno quel twist finale, quell'epifania, che molti spettatori magari si aspettavano: quello che l'uomo vede (forse addirittura prima di morire? Chissà...) è il momento in cui ha capito e deciso che voleva sposare la donna della sua vita. Now Am Found.
Permetta che mi presenti, signora? Gus Polinski. Molto lieto. Il re della polka del Midwest! Eh? Ehm... I Kenosha Kickers. No? Ah, non fa niente. Pensavo mi avesse riconosciuto. Comunque... Ehm, sa, io ho avuto un certo successo qualche anno fa, perché io sono quello di "Polka polka polka polka!" No, eh? -No...- E Twin Legs Polka? Yamahoozie Polka? Kiss Me Polka? Ehm... Polka Twist, eh? -Sarebbero canzoni...- Sì, ehm... Sì, ecco, nostri grandi successi. Almeno agli inizi degli anni '70. Sì, ne abbiamo vendute ben 623 copie per l'esattezza! -A Chicago?- No, Sheboygan. Grande successo a Sheboygan.

Offline Seph

  • Evangelista del Cloud
  • Nabe Member
  • *****
  • Post: 11319
  • Sesso: Maschio
  • The future of gaming is not in a box
Re:True Detective Season 3
« Risposta #29 il: Febbraio 28, 2019, 12:13:05 »
"In an Instagram comment after the finale, creator Nic Pizzolatto explained that Amelia's fate was cut for time. But he also revealed what happened to her:"

Amelia and Wayne living their lives in 2013, planning and extended vacation around the world. It culminated in Amelia's death (peaceful, but sudden, in her sleep). Nothing nefarious, just sad.
Permetta che mi presenti, signora? Gus Polinski. Molto lieto. Il re della polka del Midwest! Eh? Ehm... I Kenosha Kickers. No? Ah, non fa niente. Pensavo mi avesse riconosciuto. Comunque... Ehm, sa, io ho avuto un certo successo qualche anno fa, perché io sono quello di "Polka polka polka polka!" No, eh? -No...- E Twin Legs Polka? Yamahoozie Polka? Kiss Me Polka? Ehm... Polka Twist, eh? -Sarebbero canzoni...- Sì, ehm... Sì, ecco, nostri grandi successi. Almeno agli inizi degli anni '70. Sì, ne abbiamo vendute ben 623 copie per l'esattezza! -A Chicago?- No, Sheboygan. Grande successo a Sheboygan.